Ombra e prospettiva solidi

In questa pagina si illustrerà come determinare l’ombra e la prospettiva con il metodo dell’omologia di due solidi di rotazione (un cilindro ed un cono) disposti obliquamente rispetto ai piani di proiezione. I due argomenti erano già stati trattati nella sezione di DISEGNO TECNICO del sito internet ALICE APPUNTI, dove sono presenti gli appunti teorici. E’ possibile accedere a tale sezione cliccando sul sottostante link.


FASE 1: DISPOSIZIONE DEI DUE SOLIDI

Si disegnano i due solidi disposti obliquamente rispetto ai due piani di proiezione principali. Per far questo si ricorre ad una “terza proiezione ausiliaria“, come indicato anche nel disegno. Sempre nel disegno sono visibili i passaggi che permettono -a partire dalla terza proiezione ausiliaria- di determinare la proiezione del solido sul π1 (prima) e sul π2 (dopo).

SOLIDI- Fase 1a. Clicca sull’immagine per vederla ingrandita!
SOLIDI- Fase 1b. Clicca sull’immagine per vederla ingrandita!

FASE 2: DETERMINAZIONE DELL’OMBRA

Si determinano le ombre proprie e portate dei due solidi: prima del cilindro e poi del cono

Trattandosi di disegni “preparatori” e non “definitivi”, le ombre non sono complete. Non è stata per esempio tracciata l’ombra propria del cono (determinabile comunque dall’ombra portata), nè si è studiato se cono e cilindro gettano ombra l’uno sull’altro.

SOLIDI- Ombra, fase 1a. Clicca sull’immagine per vederla ingrandita!
SOLIDI- Ombra, fase 1b. Clicca sull’immagine per vederla ingrandita!

FASE 3: DETERMINAZIONE DELLA PROSPETTIVA

Infine, si è proceduto a determinare la prospettiva (però solamente del cilindro) con il metodo dell’omologia. Benchè la prospettiva del cono non sia presente, si sono comunque lasciate sul foglio alcune indicazioni dei punti da considerare per poterla determinare.

SOLIDI- Prospettiva. Clicca sull’immagine per vederla ingrandita!

La spiegazione completa su come si determina la prospettiva di un solido con il metodo dell’omologia è riportata alla pagina del sito internet “ALICE APPUNTI“ dedicata alla PROSPETTIVA.

Conoscendo le procedure del metodo, diventa relativamente semplice comprendere come è stata eseguita la prospettiva del cilindro, anche solo “seguendo” le linee tracciate nel disegno.