Crea sito

CANTIERI STRADALI

QUELLO DI "CANTIERI STRADALI" E' UN ESAME "DI INDIRIZZO", OBBLIGATORIO CIOE' PER GLI ALLIEVI INGEGNERI CIVILI CON INDIRIZZO TRASPORTI. GLI ARGOMENTI DEL CORSO SONO PERO' IN PARTE TRATTATI ANCHE DAGLI ALLIEVI GEOMETRI.

OBIETTIVO DEL CORSO E' QUELLO DI INTRODURRE E SPIEGARE L'ESECUZIONE DI UN PO' TUTTE LE POSSIBILI LAVORAZIONI STRADALI, E DI ANALIZZARE COME VIENE ORGANIZZATO E GESTITO (SOPRATTUTTO IN RELAZIONE AL TRAFFICO) UN CANTIERE STRADALE (SIA ESSO DI COSTRUZIONEMANUTENZIONE O MONITORAGGIO). 

PRECISAZIONI:

GLI ARGOMENTI AFFRONTATI DA QUESTO CORSO SONO MOLTI.

IN QUESTA PAGINA NON SARA' PURTROPPO POSSIBILE TROVARE GLI APPUNTI DI TUTTI QUANTI GLI ARGOMENTI DEL CORSO DI CANTIERI STRADALI, MA SOLTANTO ALCUNI, DI CUI POTETE LEGGERE IL TITOLO NEI RIQUADRI QUI DI SEGUITO, E CHE POTETE SCARICARE GRATUITAMENTE AL TERMINE DI CIASCUN RIQUADRO.

POTRETE PERO' RITROVARE MOLTI (SEBBENE NON TUTTI) DEGLI ARGOMENTI MANCANTI -E GLI APPROFONDIMENTI DI QUELLI PRESENTI- TRA QUELLI DEL CORSO DI "FONDAMENTI DI INFRASTRUTTURE VIARIE".

 

GLI APPUNTI DEL CORSO DI "CANTIERI STRADALI" SONO STATI REALIZZATI (E POI TRASCRITTI IN WORD) COMPATTANDO INSIEME QUANTO SPIEGATO DURANTE LE LEZIONI SVOLTE IN CLASSE, IL MATERIALE DELLE DISPENSE E VARIE SPIEGAZIONI DI APPROFONDIMENTO REPERITE SU INTERNET

 

SEBBENE UTILI, QUESTI APPUNTI POSSONO TUTTAVIA  RISULTARE NON DEL TUTTO ESAURIENTI SU ALCUNE QUESTIONI, E DEVONO QUINDI ESSERE CONSIDERATI UN PURO "SUSSIDIO" DIDATTICO.

ARGOMENTI PRESENTI:

- ELENCO DEGLI ARGOMENTI E DEGLI APPUNTI SCARICABILI IN QUESTA PAGINA, COMPRESSI CON WINZIP -

1) NORME TECNICHE E REGOLE TECNICHE:

Breve appunto relativo al corpo normativo stradale, che riassume tutto quanto l'argomento. In alcuni punti sono anche presenti dei piccoli approfondimenti tratti da Internet.  

In questa lezione si analizzano prima di tutto le norme tecniche, definendone le caratteristiche ed evidenziandone le differenze rispetto alle regole tecniche. Infine si analizzano anche le regole tecniche, cioè le leggi che regolano le lavorazioni stradali (in particolare LEGGE MERLONI e NUOVO CODICE DELLA STRADA).

2) BREVE "PANORAMICA" SUI CANTIERI

Una volta analizzato il corpo normativo e prima di illustrare le varie lavorazioni stradali, è opportuno definire brevemente i vari tipi di cantiere, evidenziando le maggiori difficoltà connesse a ciascuno di essi.

3) MOVIMENTI DI TERRA: GLI SCAVI

Questo appunto riguarda l'esecuzione di scavi.

Se ne dà dunque la definizione e se indica l'utilità. Successivamente si riporta -molto brevemente- quanto prescritto dalle norme tecniche in materia di scavi e si analizzano le difficoltà e le prescrizioni connesse a questo tipo di lavorazione. Una volta fatto questo, si descrivono -sempre molto brevemente- i vari tipi di scavo.

(Questo appunto contiene alcuni approfondimenti tratti da Internet e dal corpo normativo stradale. Tuttavia, per potersi considerare completo, richiederebbe di essere ulteriormente arricchito anche con le informazioni fornite dalle specifiche tecniche in materia di scavi, che in questa sede non è stato però possibile riportare).

4) MACCHINE PER MOVIMENTI DI TERRA:

Si definisce -in modo generico- il funzionamento delle macchine utilizzate per eseguire i movimenti in terra: le modalità di lavoro, la produzione,  il rendimento e il costo.

(Questo appunto contiene alcuni approfondimenti tratti da Internet).

Si trascurano invece in questa sede considerazioni più approfondite (come la descrizione dei vari tipi di macchine escavatrici per l'esecuzione degli scavi o dei mezzi utilizzati per il trasporto dei materiali, e le loro modalità di funzionamento).

5) RILEVATI STRADALI:

Questo appunto riguarda l'esecuzione di rilevati stradali.

   Se ne dà dunque la definizione e si indica ciò che è opportuno fare prima di procedere con la realizzazione. Successivamente si riporta -molto brevemente- quanto prescritto dalle norme tecniche riguardo i materiali da utilizzare e le modalità di esecuzione dell'opera, e si analizzano le difficoltà di questo tipo di lavorazione. Una volta fatto questo, si riportano alcuni fogli tratti dalla normativa, relativi alle caratteristiche dei materiali utilizzati per i rilevati autostradali. Si descrivono la prova di compattazione da eseguire sugli strati di terreno, le macchine utilizzate e i vari controlli sul terreno. Infine si definiscono i rilevati di prova.

(Anche in questo caso, per potersi considerare completo, questo appunto richiederebbe di essere ulteriormente arricchito con le informazioni fornite dalle specifiche tecniche in materia di rilevati (e relative soprattutto ai controlli da eseguire su di essi e sui materiali, e alle macchine da utilizzare), che in questa sede non è stato però possibile riportare).
  

6) SOVRASTRUTTURE STRADALI: MATERIALI 

Questo appunto riguarda l'esecuzione delle sovrastrutture stradali, con particolare attenzione ai materiali utilizzati.

Non si riportano invece gli appunti relativi alla realizzazione vera e propria di tali sovrastrutture (STESA DELLA PAVIMENTAZIONE, e CONTROLLI DOPO LA STESA, i controlli e le prescrizioni sugli strati finiti (in particolare FONDAZIONE, SOTTOBASE, BASE e USURA).

 

Nella prima pagina si riporta uno specchietto dei vari tipi di pavimentazioni stradali esistenti, gli strati che le compongono e il materiale di cui esse sono fatte.

Successivamente si riporta -molto brevemente- quali sono le norme riguardanti i materiali da utilizzare. Una volta fatto questo, si analizzano più nel dettaglio i vari tipi di pavimentazione. Il resto degli appunti è dedicato -nel dettaglio- ai requisiti richiesti dalla normativa per i materiali (AGGREGATI, LEGANTI BITUMINOSI, CONGLOMERATI BITUMINOSI) e soprattutto alle prove a cui essi vengono sottoposti.

(Questi appunti, tratti dalle dispense e dalle lezioni in classe, sono stati AMPIAMENTE arricchiti,  nella parte dedicata alle prove sui materiali, tramite parti della normativa tecnica e materiale proveniente da Internet. Sebbene sia più completo degli altri, anche in questo caso questo appunto richiederebbe di essere ulteriormente ampliato con qualche ulteriore informazione riguardo le caratteristiche dei bitumi, dei bitumi modificati e dei conglomerati bituminosi, che in questa sede non è stato però possibile riportare). 

P.S.

POTETE DARE UN'OCCHIATA AGLI ARGOMENTI DEL CORSO DI "FONDAMENTI DI INFRASTRUTTURE VIARIE" CLICCANDO QUI .